Benvenuto su SILAND ARTE CREATIVA!

Mi chiamo Andrea Parisi, in questa pagina presento tutti i miei lavori.

Mi definisco uno sperimentatore creativo, nel blog troverai creazioni con stili e materiali differenti l'uno dall’altro.

Ci sono le statuine personalizzate, costruite in super sculpey e dipinte a mano, i cake topper per i matrimoni o i ritratti caricaturali.

I quadri, dipinti su tela con colori acrilici e gli acquerelli.

Inoltre mi dedico anche alla costruzione di elementi scenici per il teatro e spettacoli di danza.

Spero che la pagina ti piaccia e se vuoi contattarmi

CLICCA QUI

“Se tu puoi immaginarlo, io posso costruirlo!"

Quindi se hai delle idee, scrivimi e facciamole diventare reali!

Pagine

venerdì 13 gennaio 2017

Penna 3D Blusmart, come funziona.



Ciao a tutti!
Per le feste di natale ho deciso di chiedere a babbo natale un oggetto che doveva assolutamente entrare nella mia collezione di strumenti di lavoro.

La penna 3D!
In particolare ho preso la Penna 3D Blusmart che sembra essere un ottimo compromesso tra prezzo e qualità.

Ve la consiglio caldamente.
Spieghiamo brevemente cos'è una penna 3D.
E' una penna (ma va!) con dentro un fusore che scioglie un filamento di ABS o PLA (nel nostro caso, ma ci sono anche altri materiali) e disegna in 3D nell'aria.
Ora detto così sembra una cosa fantascientifica ma il concetto è abbastanza semplice...L'utilizzo della penna, al contrario, un po' meno.
C'è bisogno di coordinarsi tra la velocità di estrusione del materiale e muovere la mano.


Nei prossimi giorni inserirò un po' di prove e disastri fatti in modo da introdurvi a questo oggetto che è tanto complicato quanto divertente!
Per ora vi lascio con la mia prima creazione, L'omino Ciaone.


Salutatelo, vi porterà foruna!


Vi lascio i link ai materiali e alla penna, se potete, provatela è una figata!



lunedì 9 gennaio 2017

Riproduzione in scala 1:10 mobile per salotto


Ciao a tutti!
Oggi vi mostro una cosa un po' diversa dal solito, ed è un mobile costruito in scala per essere poi riprodotto a grandezza naturale da un artigiano.
Il modello è interamente inedito e su misura, è in scala 1:10 ed è costruito utilizzando del legno di balsa.
Il mobile vero e proprio sarà in abete sbiancato e quadrelli di ferro, rimanete su queste pagine per seguire gli sviluppi!
Di seguito altre foto e un po' di work in progress.
A presto!













sabato 10 dicembre 2016

TUTORIAL: Installazione forno ad incasso al posto di uno tradizionale a piedini.


Mettiamo caso che abbiate una cucina vecchia di 30 anni e, mettiamo caso che vogliate "modernizzarla" o solamente, dopo trent'anni vi si è disintegrato quasi tutto.
E mettiamo ancora caso che quel che vi si è disintegrato... non esista più in commercio.
Ecco, in quel caso, vi trovereste nella mia situazione e quindi ecco un TUTORIAL su come-sostituire-un-vecchio-forno-tradizionale-a-piedini-con-uno-modernissimo-ad-incasso-quando-i-forni-a-piedini-non-esistono-più-e-voi-non-avete-altra-scelta-che-adattarvi-ai-tempi-che-cambiano-senza-lamentarvi! (da leggere possibilmente tutto d'un fiato).

Prima di tutto parliamo delle informazioni che circolano in rete su come sostituire questo tipo di elettrodomestici.

ZERO.

Cioè che proprio non si trovano... niente neanche a impegnarsi!

Allora decidi di affidarti ad uno forte, ad uno che li vende e lo fa per mestiere.
Ci vai, domandi e lui ti guarda con lo sguardo perso all'orizzonte dicendoti "mmmmhhhsì, ho capito benissimo di cosa hai bisogno tu" (mente) "Tu abbisogni di questo modello supermodernochetirisolveogniproblema!" (non è che mente, è che deve vendere...e comunque secondo me mente).
Io faccio solo la domanda pragmatica, "Sicuro?"
La sua risposta, "avojattè, tanto sono tutti standard" (mente e nel frattempo se ne lava pure le mani tanto chi ti rivede più").
Ecco io sul punto "chi ti rivede più" sensibilizzerei un po' di più la forza vendite...
Ma tant'è.

Dimenticate tutta questa storia e ora, seguite l'unico, vero 
TUTORIAL su come sostituire un forno ad incasso.
Adesso vi spiego io di cosa avete bisogno.

Innanzitutto, questo è il vuoto che ha lasciato il vecchio forno, nei nostri cuori e nella nostra cucina.


E questo è uno dei milioni di comunissimi forni ad incasso, taglia 60 x 60 (Sì ci sono misure diverse ma questo è quello più comune).


I have a hole...
I have a oven...
mhhhhhh
HOLOVEN!


Ok...

Quindi, cosa vi serve?
Dovete comprare (o costruire) un semplicissimo mobilettino come quello che vedete nella foto di seguito.


Allora se lo volete comprare QUI TROVATE CHI LO VENDE perché non è facile da trovare (E costa anche poco).
Oppure, se avete tempo, spazio e qualche pezzo di MDF o multistrato, potete costruirlo con pochissimo tempo e soldi, ma a me mancava il tempo e lo spazio, quindi...

Per montare il mobiletto ci vuole mezz'ora scarsa ma, e dico ma, dobbiamo stare attenti ad alcune cose che nessuno vi ha detto.
E ve le dico io.
  1. la banda superiore che tiene tutto il mobile insieme, è troppo arretrata, e quindi sbatte sul tubo del gas (quello lì verde) sui fornelli... Niente paura, basta avanzarlo di 10 cm, un paio di buchi col trapano e il gioco è fatto.
  2. A meno che non abbiate una cucina con i piedini a vista, le gambe non vanno inserite nel punto che viene suggerito dal costruttore, bensì vanno avvitate alla giusta distanza, misurando quelle dei mobili vicini.
    Nel mio caso, 6 cm verso l'interno.

    Dalla foto non si capisce, ma non sono a filo con la parte anteriore

Una volta montato il mobile ed inserito nel suo vano, va bloccato con delle viti passanti ad i mobili vicini, si prende quindi la misura e si fora,  poi si blocca.

Ora ci sono 2 cose importanti da fare:
La prima è sostituire la spina che vedete là dietro, con una piatta.
Questo servirà per non far sbattere il retro del forno.
La seconda è montare una spina al forno, perché viene venduto con i fili scoperti, qui dipende da come avete la presa, prendete una spina consona.

Ora possiamo inserire tutto!

A seconda delle marche potrebbero esserci dei sostegni/guida che si applicano sul fondo del mobile, nel mio caso no, quindi va caricato di peso ed inserito dentro.

Aprendo lo sportello del forno si noteranno 2 buchi, a volte coperti da 2 gommini.
Lì vanno inserite le viti di bloccaggio per tenere il forno in sede.

Il gioco è fatto, si applica la fascia estetica sotto, e poi si rimonta il fascione basso della cucina.




Spero che la guida vi sia stata utile, e ricordate di prendere tutti i dovuti accorgimenti quando fate dei lavori con la corrente.

Vi lascio anche il link al mobile.
Buon lavoro!